Plotter Stampa e Taglio

By | 28 Febbraio 2016

Le 4 cose che non ti hanno mai detto sui Plotter Stampa e Taglio.

E’ meglio un Plotter unico che Stampa e Taglia o 2 Plotter separati e distinti?

In questo articolo scoprirai come poter scegliere tra i vari plotter da stampa di grande formato e, capirai se è meglio un Plotter unico che Stampa e Taglia o 2 Plotter separati e distinti, ti svelerò le 4 cose che non ti hanno mai detto sui Plotter Stampa e Taglio.

Ti avviso che la lettura di questo articolo potrebbe essere scioccante, perchè potresti scoprire che le cose di cui sei fermamente convinto non sono vere. Ricordi quando da piccolo ti hanno detto che Babbo Natale non esiste? Potresti provare le stesse sensazioni, pertanto se vuoi continuare a leggere, è a tuo rischio e pericolo.

Sei deciso? Allora fissati bene alla sedia e buona lettura.

Foto Plotter Stampa e Taglio contro Plotter da Stampa + Plotter da Taglio

Questo è certamente uno degli argomenti su cui mi capita più spesso di parlare, non manca giorno che al telefono o durante le dimostrazioni, non ripeta questo stesso disco, così ho deciso di scriverlo. La speranza è che in futuro possa ripetere queste cose qualche volta in meno, se questo articolo viene letto come mi auguro.

La maggior parte dei clienti che si rivolge a me per un plotter da stampa ha anche quasi sempre l’esigenza di poter intagliare gli stampati. Le potenzialità che l’intaglio aggiunge rispetto al solo servizio di stampa sono tante, infatti abbinando le due cose si apre un mercato molto più ampio, che consente di spaziare dalle semplici stampe su vinile adesivo, agli Stickers adesivi, ai transfer termoadesivi per i tessuti, ai calpestabili sagomati e tanto altro ancora.

Le caratteristiche che tutti cercano nelle stampanti di grande formato sono sempre le stesse:

  • la semplicità di utilizzo,
  • la velocità,
  • la precisione,
  • il basso consumo.

In altre parole, gestire il flusso di lavoro senza rogne, nel minor tempo e magari se possibile anche con il minor costo. Tutto questo non è altro quello che richiede oggi il mercato, cioè i tuoi clienti:

  • lavori consegnati subito,
  • fatti bene,
  • possibilmente senza spendere tanto.

Di conseguenza, penso che queste siano le stesse cose che cerchi e pretendi anche tu quando guardi e valuti una stampante di Grande Formato. Molti si convincono che questo si possa ottenere soltanto utilizzando una sola macchina che fa tutto, cioè che sia in grado di Stampare e anche di Intagliare, ma vediamo se questa convinzione è davvero corretta o è frutto delle solite mezze verità e, delle cose dette a metà, per poter indirizzare come al solito il cliente verso una scelta che risulta essere conveniente soltanto per chi vende.

Ovviamente in questo articolo mi riferisco alle Stampanti di Grande Formato, che utilizzano inchiostri a solvente, eco-solvente e latex.

Inizio con qualche domanda importante e provocatoria che ti può far riflettere: sai quali sono i principali produttori di Stampanti di grande formato con inchiostri a Solvente, Eco-solvente e Latex?

So che lo sai, ma per precisione e completezza li voglio lo stesso elencare: Roland, Mutoh, Mimaki, Epson, HP, etc.

Adesso la seconda domanda: dei marchi elencati quanti sono quelli che producono plotter da stampa in grado di stampare e intagliare?

Le sai tutte. Si, sono soltanto due: Roland e Mimaki.

Ma ora aumento un pochino il livello di difficoltà aggiungendo un’altra domanda, più impegnativa: come mai tra tutti i Grandi Marchi produttori di plotter da stampa di grande formato, soltanto 2 propongono plotter Stampa e Taglio, mentre gli altri si limitano a proporre soltanto plotter da Stampa?

Ammettilo, su questa ti ho messo in crisi.

Se stai pensando che la risposta è che Mimaki e Roland sono più bravi degli altri, ti dico subito che la risposta è sbagliata.

Se un colosso come Epson che produce le teste di stampa per quasi tutti i marchi concorrenti, Roland, Mutoh, Mimaki, etc. e che nel 2012 ha deciso di proporre un Plotter Epson con inchiostri a Solvente ha deciso di presentare un plotter in grado soltanto di stampare, non è certo perchè non aveva le capacità di poter abbinare anche la possibilità dell’intaglio. Stesso discorso vale per un altro colosso come HP marchio detentore della tecnologia Latex, tutti focalizzati a produrre e proporre Plotter di Grande Formato in grado soltanto di stampare.

Considera che, Epson sull’ultima testina di stampa piezoelettrica ha investito una cifra enorme, mai raggiunta prima da nessun produttore, si parla di parecchi milioni di dollari. Motivo per il quale gli altri Marchi che non hanno capacità d’investimento così alte presentano Plotter da stampa con all’interno le teste di stampa Epson (Roland, Mimaki, Mutoh, etc.). Pensi ancora che una ditta che può sostenere capacità d’investimento così alte, se avesse voluto non avrebbe creato un plotter da stampa anche in grado di intagliare?

O se vuoi prendere ad esempio HP, che essendo nel mercato da più tempo di Epson, è anche quello che attualmente ha venduto più Stampanti di tutti in tutto il mondo. Con la tecnologia Latex ha raggiunto percentuali di vendita altissime anche in Italia. Pensi che se HP avesse voluto non avrebbe sviluppato un Plotter da Stampa in grado di intagliare?

Le risposte le saprai dare solo dopo che saprai le 4 cose che non ti hanno mai detto sui Plotter Stampa e Taglio.

Alcune settimane fa, parlando con una persona ai vertici di un Marchio Leader produttore di Plotter da Taglio, mi ha riferito che i loro migliori clienti per i Plotter da Taglio di grande formato sono principalmente i possessori di Plotter Stampa e Taglio e, questo è un dato che ti dovrebbe far riflettere.

Ma a questo punto non ti voglio far attendere oltre, anche perchè in questo articolo mi sono riproposto di essere breve e, voglio iniziare a svelarti le 4 cose che non ti hanno mai detto sui Plotter Stampa e Taglio, pertanto fai un respiro lento e profondo, rilassati e inizia a leggere la prima risposta.

  1. Non puoi intagliare quello che hai appena stampato.

Sembra strano ma se ci pensi bene non lo è poi tanto. Se ti metti a intagliare un vinile adesivo appena stampato corri diversi rischi:

  • che i rullini di trascinamento del materiale rovinino la stampa ancora fresca, sporcandola e strisciandola;
  • che intagliando sull’area inchiostrata ancora fresca, il PVC in particolare se è sottile tende a sollevarsi e ad arricciare. Se per esempio devi intagliare dei bollini adesivi blu di 5 cm. e hai lasciato qualche millimetro di abbondanza per evitare di trovarti il bordino bianco attorno, se cerchi di intagliare il materiale prima che l’inchiostro asciughi completamente noterai che dopo il passaggio della lama il PVC inizierà a sollevarsi arricciandosi su se stesso. Più il PVC sarà sottile maggiore è la possibilità che questo accada.

Pertanto se devi comunque aspettare che la stampa asciughi, ha senso bloccare una stampante che nel frattempo potrebbe stampare altri lavori?

  1. Il plotter da Taglio è molto più Preciso del Plotter Stampa e Taglio.

Questo punto va chiarito bene perchè magari non sai come si può stampare e intagliare un lavoro eseguito su un plotter da stampa che non supporta e integra direttamente il taglio.

Ormai la maggior parte dei Rip, che sono i programmi per la gestione dei plotter da stampa, sono in grado di supportare e gestire anche un plotter da taglio, pertanto è possibile affiancare al plotter da stampa di grande formato, un plotter da taglio che disponga della funzione di Riconoscimento Automatico dei crocini di registro.

A questo punto il gioco è fatto, fai la tua bella stampa sul plotter da stampa, che avrà i crocini generati automaticamente dal programma di gestione della stampante e, dopo che la stampa è ben asciutta, la metti sul plotter da taglio e con un semplice clic di mouse usando lo stesso programma su cui hai inviato la stampa puoi far partire anche il plotter da taglio, che inizierà a cercare da solo e velocemente tutti i crocini di registro posizionati attorno allo stampato, iniziando a scontornare in modo assolutamente preciso tutti i tuoi lavori anche se molto piccoli. Potrai stampare lavori lunghi parecchi metri che contengono bollini anche piccolissimi, senza riscontrare nessuno scostamento, con una precisione improponibile per un plotter Stampa e Taglio.

  1. Il plotter da Taglio è molto più Veloce del Plotter Stampa e Taglio.

Ovviamente il plotter da taglio nasce soltanto per tagliare e lo fa bene. Pertanto è preciso e veloce e, se davvero hai una mole di lavori da scontornare e vuoi essere produttivo la soluzione obbligata è quella di associare al plotter da stampa un Plotter da Taglio, che è capace di sviluppare una velocità di taglio assolutamente non paragonabile a quella di un Plotter Stampa e Taglio.

  1. Con il plotter Stampa e Taglio non puoi eseguire il taglio Passante.

Foto Adesivi Fustellati

Per taglio passante intendo la fustellatura, quando cioè vuoi creare delle sagome tagliando oltre che il vinile adesivo anche la carta di supporto andando a bucare e tagliare attraverso. Questo con un plotter da taglio di media qualità e che supporta la funzione del Taglio Passante è possibile senza nessun problema. Non lo è invece per i Plotter Stampa e Taglio. Pertanto se hai intenzione di produrre Stickers Adesivi, non puoi certo puntare a un Plotter Stampa e Taglio ma dovrai pensare obbligatoriamente di affiancare al Plotter da Stampa un plotter da taglio in grado di gestire il taglio passante.

Adesivi Fustellati con Taglio Passante

Adesso è tutto più chiaro?

Pensi che questi 4 motivi siano abbastanza validi e che se rivelati possono condizionare una decisione di acquisto?

Ora ti sarà chiaro anche il motivo per cui queste 4 cose non vengono mai dette e, ti sarà anche chiaro il motivo per cui colossi come Epson e HP non hanno investito sullo sviluppo di questa tecnologia, che offre tante limitazioni insuperabili per chi vuol essere preciso e produttivo.

Come sempre le macchine che nascono per svolgere una sola funzione la fanno meglio di quelle che ne svolgono diverse e su cui c’è sempre un compromesso da pagare, se vuoi una macchina che fa due, tre o quatto cose assieme, a qualcosa devi essere disposto a rinunciare e quel qualcosa può essere per te molto importante, perchè dovresti essere disposto a rinunciare a: precisione, velocità e qualità. E questo vale non solo per i plotter da Stampa di Grande Formato ma per qualsiasi macchina multifunzione, pensiamo per esempio alle Termopresse, quelle che ti stampano capellini, tazze, piatti e t-shirt, non saranno mai precise e funzionali come le termopresse dedicate che nascono per svolgere solo un singolo lavoro.

A questo punto hai tutte le conoscenze per fare le tue valutazioni su un tuo eventuale futuro acquisto di una Stampante di Grande Formato, ti ho dimostrato che se la tua esigenza è quella di avere una soluzione produttiva e professionale, devi necessariamente optare all’acquisto di 2 macchine separate, se invece ti accontenti di una soluzione Entry Level con tutte le limitazioni che ti ho scritto allora puoi scegliere un Plotter Stampa e Taglio.

Ma c’è un altro particolare che magari potrà davvero stupirti, infatti potresti scoprire che la soluzione più Professionale cioè quella delle 2 macchine separate, potrebbe essere anche la meno costosa, avendo così la possibilità di ottenere più vantaggi con meno investimento. Sai bene che non sempre le cose più costose sono anche le più belle e affidabili, ma in tanti casi i prezzi crescono tanto perchè prima di arrivare all’acquirente il prodotto deve passare in tante mani, attraverso i diversi canali distributivi, mentre altre volte il produttore riesce a snellire la distribuzione di vendita eliminando i passaggi intermedi riuscendo ad avere un costo finale di acquisto relativamente basso. Altre volte invece il prezzo sale perchè si devono recuperare sul prezzo del prodotto gli alti costi sostenuti per la pubblicità del prodotto stesso.

A questo punto, sono giunto al termine, ora vado a vestire la mia armatura, perchè questo articolo non oso pensare cosa potrà scatenare ai rivenditori di Plotter Stampa e Taglio, ma vedrò di farmelo rimbalzare sopra come sempre, perchè anche per questo articolo nello spazio dei commenti qui sotto non potrai mai leggere nessuno che scrive che le cose che ho scritto non sono vere, l’unico risentimento per loro sarà quello di vedere scritto in grasseto le cose fin’ora non dette, o scritte in piccolo, perchè consapevoli che siano elementi fondamentali e determinanti per la scelta di acquisto dei clienti.

Ti ringrazio per essere arrivato fin qui nella lettura del mio articolo e spero che lo abbia trovato utile e interessante e, vorrei leggere le tue impressioni nei commenti qui sotto, a te non costa nulla ma per me è un grande stimolo a continuare a scrivere.

Buon Lavoro e alla prossima.
Ilario

P.S.: se ritieni che per la valutazione del tuo caso sia necessaria la mia consulenza, per procedere a un’analisi attenta e precisa delle tue esigenze e di quali sono le attrezzature adatte per il lavoro che intendi svolgere, contattami ai riferimenti che trovi nella pagina Contatti. Sarò lieto di contribuire anche al tuo successo come lo è stato per tutti quei clienti che si sono fin’ora affidati alle mie competenze del settore.

P.P.S.: se vuoi ricevere la Guida Rapida GRATUITA, contenente tante informazioni utili sul PVC adesivo e i suoi utilizzi, inserisci la tua e-mail nello spazio qui di fianco e la riceverai nella tua casella di posta elettronica in pochi secondi.

 

Commento di un Cliente su Facebook

25 commenti per “Plotter Stampa e Taglio

  1. AvatarFabio

    Personalmente ho potuto notare che le stampe effettuate con tre roland hanno una risoluzione inferiore rispetto a epson poi sul taglio ancora peggio la prima fila dei loghi stampati ok ma poi via via che stampava sull’ultima riga a distanza di 80 cm c’era uno scostamento di 4 mm su un logo di diametro 7 cm. Di conseguenza lavoro da buttare

    Rispondi
    1. IlarioIlario Post author

      Ciao Fabio,
      ti ringrazio per il tuo commento a conferma di quanto da me scritto.
      Ilario

      Rispondi
    1. IlarioIlario Post author

      Nei Commenti possono scrivere tutti, anche lo Stimato Giovanni Re di Roland.

      Rispondi
  2. AvatarMarco Bacciu

    Grande Ilario!…come sempre, spero che ci siano altri argomenti di formazione professionale come tutti quelli pubblicati.

    Rispondi
    1. IlarioIlario Post author

      Giovanni Re, quello che scrivi viene pubblicato e letto pertanto se hai qualche commento da scrivere non hai che da farlo, evitando questi giochini ridicoli.

      Rispondi
  3. AvatarGiovanni Re

    Odio i giochini… ho postato un paio di volte questo testo che provo nuovamente a pubblicare, questa volta dividendolo in due blocchi.

    E’ più di un decennio che lavoro in Roland ed ho formato più di 7.000 persone ad utilizzare al meglio i nostri plotter stampa e taglio. Per chi non mi conoscesse sono l’amministratore della community degli artigiani tecnologici oltre che relatore alla fiera Viscom . Non voglio essere di parte ma la modalità aperta del web 2.0 mi consente di ribattere pubblicamente i quattro punti da te descritti. Gli argomenti evidenziati sono i tipici cavalli di battaglia di chi potendo vendere solo plotter da stampa e/o di taglio (come la tua azienda) cerca di smontare l’acquisto di uno stampa e taglio.

    Non posso usare il grassetto ma cercherò di evidenziare i pro di uno stampa e taglio partendo dal primo che non hai evidenziato: il profitto. Tutti i lavori di stampa e taglio hanno un alto valore aggiunto in termini di profitto operativo. Visitando laboratori di persone che avevano adottato la doppia soluzione ( esigendo inoltre un doppio spazio fisico ) ho notato che la “pigrizia” di usare i crocini , di ricaricare il materiale nell’altro plotter, quello destinato al solo taglio, li spingeva a realizzare solo lavori di stampa che tipicamente hanno un profitto molto più basso. Questa apparente banalità porta i possessori di una doppia soluzione ad essere meno creativi rispetto un possessore di una macchina che in unica passata riesce a stampare e tagliare perfettamente a registro.

    Mi piacerebbe parlare con Fabio che ha commentato prima di me ed aiutarlo ad usare bene il suo Roland. Probabilmente deve solo ricalibrare i parametri di stampa e taglio e nessuno gli ha spiegato come fare…

    Rispondi
  4. AvatarGiovanni Re

    L’inchiostro Ecosolmax asciuga subito e il taglio, anche su colore, non rovina l’effetto finale e tanto meno lascia il segno sui pinch roller, a meno che non si usi un monomerico a basso costo ma in questo caso dovremmo ritornare a parlare di profitto e non di problemi di stampa.

    2. Sulla precisione la meccanica di un plotter da stampa e taglio Roland è praticamente la stessa del plotter da taglio e non credo che un qualsiasi operatore riesca a distinguere tra il taglio effettuato con un solo plotter da taglio ed uno con stampa e taglio.

    3. La velocità di taglio superiore a 30 cm al secondo vorrei capire cosa comporti in termini di produzione. Anche in questo caso stiamo comparando un sistema per fare soldi ad un sistema per fare produzioni da vendere scontate dove 30 secondi di differenza tra una macchina e l’altra influiscono nella vendita di un prodotto. Se fosse così non farei mai comprare un plotter Roland a chi la pensa in questa maniera.

    4. Il taglio passante in Roland esiste e si realizza con la funzione PerfCutContur che consente di creare oggetti fustellati. .. ma comprendo che non si può sapere tutto….

    Rispondi
    1. IlarioIlario Post author

      Ciao Giovanni,
      sono felice di leggere il tuo commento, e come vedi in questo Blog non è presente nessuna censura, e se hai trovato difficoltà a commentare non è per via della lunghezza dei commenti, in quanto non è presente nessun limite nel sistema, magari avrai avuto un problema di connessione… considerato che ormai in questo blog appena costituito sono già presenti decine di commenti inseriti senza nessuna difficoltà. E’ attivo come in tutti i Blog un filtro anti spam per evitare di trovare tra i commenti inserzioni pubblicitarie che nulla hanno a che vedere con il nostro settore e che annoierebbero chi legge, distraendolo dalle informazioni importanti. Chiarito questo mi fa molto piacere poter rispondere punto per punto.

      Ovviamente il tuo nome non ha bisogno di presentazioni, e per quanto non goda della stessa fama, ho nel mio trascorso parecchi anni di duro lavoro sul campo e non come venditore ma come utilizzatore.

      Scrivi di non voler essere di parte, ma diventa difficile e poco credibile essendo un dipendente Roland.

      La mia posizione invece è differente, perché non ho nessun legame di sorta, e non cerco di smontare nulla o nessuno ma di dare informazioni corrette e precise perchè i clienti possano valutare con la piena consapevolezza di quali sino i pregi e i difetti delle macchine in commercio, in quanto la tendenza è sempre quella di elogiare i pregi, ma i difetti i clienti li scoprono solo quando la macchina ce l’hanno già in casa.

      Per quanto riguarda la mia Azienda, i prodotti che vado a proporre sono frutto delle mie scelte e decisioni e non perché qualcosa mi sia stato precluso, considerato che la soddisfazione sulla nostra clientela è nota anche ai marchi concorrenti ed è per questo che non mancano offerte anche insistenti e pressioni per prendere in distribuzione marchi aggiuntivi che continuo a scartare. Entrando nel merito di Roland, come vendo gli inchiostri potrei vendere SE VOLESSI anche le stampanti.

      Pertanto fatte queste premesse iniziamo dal punto 1.
      d’accordo con te che i lavori con stampa e taglio hanno un alto valore aggiunto ed è quello che ho scritto nel mio articolo. Ma usare la leva della pigrizia per far preferire una macchina a due diverse proprio non mi trova d’accordo. I Clienti oggi riescono a gestire il taglio su un plotter da taglio dedicato con maggior facilità e precisione di quanto facciano oggi con i Plotter Ibridi (stampa+taglio in una sola macchina), e questa facilità è dimostrata da 2 dati concreti:

      a) che non trovi nessun cliente che utilizza stampa e taglio separato che dopo anni di utilizzo non riesca a scontornare in modo preciso;

      b) che molti clienti che usano plotter Ibridi decidono successivamente di affiancare un plotter da taglio dedicato, per continuare a utilizzare il plotter Ibrido solo per la stampa.

      Per quanto riguarda i tempi di essicazione, dovresti sapere che gli inchiostri Ecosolmax hanno un tempo di asciugatura più lungo sia degli inchiostri Epson che dei Latex di HP, e i monomerici che si utilizzano per la maggiore sono sempre quelli a basso costo pertanto la problematica che ho riportato è reale.

      Punto 2
      Qui mi viene da sorridere, perché affermare che la meccanica di un plotter Stampa e Taglio sia la stessa del Plotter da taglio, non è solo tirarti l’acqua al tuo mulino, ma anche tutta l’aria che necessita per far muovere le pale.

      Se vuoi sostenere che un plotter Roland stampa e taglio ha le stesse prestazioni di un plotter da taglio Summa mi sembra davvero esagerato, se invece per meccanica intendi che hanno entrambi una lama e le rotelle di avanzamento per il materiali allora è un altro discorso, anche le automobili hanno tutte 4 ruote e un volante…

      Il problema sulla precisione dei Plotter Ibridi è riscontrato da tanti utilizzatori, se tu sostieni che i Plotter sono precisissimi allora significa che i clienti che li possiedono non hanno mai imparato a usarli, e dunque la cosa non è poi così semplice, considerato che chi li utilizza da anni ancora scontorna con differenze di registro e le testimonianze anche in questo Blog lo dimostrano.

      Punto 3
      Che il plotter da taglio riesca a tagliare molto più velocemente di un plotter Ibrido è un altro punto a favore che poi tu voglia farlo comparire inutile è giustificato, essendo un uomo Roland.

      Punto 4
      Non ho mai visto nessuno realizzare un taglio passante sui Plotter Roland, pertanto o è una funzione presente solo nell’ultimo modello che avete proposto o è un altra funzione che gli utilizzatori ignorano e sarei proprio curioso a questo punto di poter raffrontare le prestazioni rispetto a un plotter da taglio dedicato.

      Ti ringrazio ancora per il tuo commento e spero di leggerti ancora anche sugli altri argomenti trattati.

      Ilario

      Rispondi
  5. Avatargiancarlo

    molto interessante questo scambio di esperienze, siete riusciti a darmi qualche informazione utile per un prossimo acquisto di plotter in azienda. Il punto che piu’ avevo necessità di capire era proprio questo:
    plotter da stampa e da taglio o due macchine separate. Ilario da questo punto di vista mi sembra che non abbia da perdere o guadagnare, la Sua esperienza e conoscenza è ineccepibile. Capisco Giovanni che ci lavora e sicuramente conosce bene il prodotto, ma non posso escludere un conflitto di interessi anche se involontario.
    Faro’ tesoro delle vostre importanti informazioni ed esperienze per affrontare il fornitore che a breve incontrero’
    grazie
    giancarlo

    Rispondi
    1. IlarioIlario Post author

      Ciao Giancarlo,
      grazie per il tuo commento, son felice che abbia trovato utile quanto letto, il mio scopo è proprio quello di fornire maggiore chiarezza e informazione.
      Se dovessi avere qualche dubbio o bisogno di qualche chiarimento sono a disposizione.
      Buon Acquisto.
      Ilario

      Rispondi
  6. AvatarAngelo

    Ciao Ilario,

    ho trovato questo articolo su Facebook e ho voluto leggerlo per capire la tua posizione, vorrei farti i complimenti sul tema e su come è stato portato avanti e discusso.

    Premetto che sono stato un grande estimatore della tecnologia Roland e del prodotto “All-in-one”, fino a quando non ho potuto apprezzare la semplicità di utilizzo del doppio plotter e di falsi miti su lentezza delle operazioni e di pigrizia, che alla fine si riduce a: l’operatore possiede la competenza adatta per sfruttare le macchine a disposizione, che si traduce: se uno sa cosa fare, la fa velocemente e bene.

    Trovo precisa la replica al Sig. Re, in quanto credo che attualmente Roland sul mercato sia un punto di riferimento per qualità e affidabilità delle attrezzature, come lo sono anche altri Brand, personalmente la mia Azienda propone Mutoh con somma soddisfazione. Inoltre proponiamo plotter da taglio Mutoh e Summa.

    Tuttavia credo che il Brand Awareness di Roland sia molto potente anche rispetto ad Epson in alcuni settori, quindi il pregio si sposta di più sul piano marketing che di reale superiorità di prodotto.

    Tra l’altro ho trovato una chicca sulla velocità di produzione dell’VersaExpress RF640 che sulla brochure italiana viene definita a 49mq/h…senza specificare che si tratta di 360x360dpi, e senza specificare i passi (1).
    Per trovare raffronti e capire meglio, bisogna addentrarsi nel web e visionare siti non italiani per scoprire tante cose dapprima sconosciute.

    Grazie e buon lavoro

    Rispondi
    1. IlarioIlario Post author

      Ciao Angelo,
      grazie per il gradito commento.
      Son felice di vedere che sei concorde con quanto ho scritto e vorrei comunque far notare, che il primo della Categoria sul grande formato è HP con la tecnologia Latex e anche loro non hanno mai prodotto plotter stampa e taglio, nonostante questo anche in Italia hanno oltre il 40% del mercato mentre Roland e Mimaki si attestano sempre attorno al 20%, pertanto questi dati parlano da soli.

      Rispondi
  7. AvatarGiovanni

    Io invece avrei bisogno di un consiglio.
    Vorrei acquistare un plotter da stampa, prevalentemente per stampare manifesti 70×100 ma anche foto di grande formato. Il problema è che in alcuni periodi stampo pochissimo e credo che l’inchiostro secchi. Esiste qualcosa che faccia al mio caso?

    Rispondi
    1. IlarioIlario Post author

      C’è certamente una stampante che può fare al caso. Ma avrei bisogno di avere maggiori indicazioni per evitare di fornire consigli che poi risultano non corretti. Se per velocizzare potessimo comunicare telefonicamente per me sarebbe meglio, comunicandomi il numero a info@professionestampa.it provvederò a chiamare non appena possibile.

      Rispondi
  8. Avatarmassimiliano

    buon giorno
    apprezzo tantissimo quello che hai scritto, ed hai ragione i venditori vedono solo i propri interessi e non curano il ciliente.
    A questo punto t chiedo un consiglio, devo acquistare immediatamente plotter per stampa e da taglio, che lavorino bene insieme e che siano compatibili, per la stampa e per il successivo taglio, sai darmi qualche consiglio?
    grazie mille buona giornata

    Rispondi
    1. IlarioIlario Post author

      Ciao Massimiliano,
      grazie per il tuo commento. Mi farà molto piacere poterti dare una mano, io in questi giorni sono impegnato al PTE di Milano, pertanto se tra i tuoi impegni c’è anche quello di visitare la Fiera a Milano possiamo farci una chiacchierata in Fiera, diversamente se mi mandi un tuo contatto su info@professionestampa.it cerco di chiamarti al mio rientro in sede lunedì 23.

      Rispondi
  9. AvatarAle

    Salve,
    plotter da taglio e da stampa separati per sempre!
    La verità sta nel fatto che ci lavora tutti i giorni conosce le difficoltà sia per una che per l’altra soluzione, io per la mia modesta esperienza posso garantire a chi legge che la migliore soluzione dipende dall’uso che si fa.
    Se si cerca la precisione sia di stampa che di taglio c’è solo una soluzione SEPARATI, naturalmente questo comporta bisogno di più spazio, preparazione accurata nei dettagli per la grafica e poi il taglio, e tutto questo deve essere poi ricompensato giustamente. Se invece si vuole fare numero a discapito della precisione MANIACALE COME LA MIA, si può optare per il combo, velocità e semplicità. Credo che il costo del prodotto finito dovrebbe essere simile, ma non cadiamo nell’errore di non calcolare anche ammortamento macchina, tempistica di realizzazione prodotto, spazi utilizzati e dipendenti.
    Ecco come mi sono organizzato io: plotter stampa solvente MIMAKI, Plotter taglio SUMMA, plotter stampa base acqua EPSON.
    Vorrei comunque un consiglio, sto valutando di eliminare il mimaki e l’epson per passare a LATEX HP quindi utilizzare il latex sia per stampe tipo solvente che per i manifesti, che dite?
    Grazie

    Rispondi
    1. IlarioIlario Post author

      Grazie per il commento a conferma della maggior precisione nella soluzione con macchine separate.
      Per il resto non sono invece d’accordo e voglio fare alcune precisazioni, la soluzione combinata non è vero che è più semplice e nemmeno più veloce e questo video lo dimostra: https://youtu.be/GU65Sc-nCA4
      Altra precisazione è quella sul costo, infatti con 2 macchine separate il costo può risultare invece più basso rispetto a un plotter ibrido o combinato.

      Per il resto, anche se non ho elementi per valutare con precisione quali possono essere le macchine giuste per te, posso certamente affermare che la tua valutazione non è corretta e stai per fare una mossa sbagliata. Se vuoi evitare di buttare via soldi inutilmente e trovarti in una condizione di svantaggio rispetto alla concorrenza, t’invito a contattarmi su info@professionestampa.it per una Consulenza. Ti illustrerò chiaramente dove stai sbagliando e sul perché. Ti darò indicazione sulla strada da percorrere per poter utilizzare le macchine anche senza acquistarle e poter mettere fin da subito soldi in tasca, che andranno a sommarsi alle liquidità risparmiate dal mancato acquisto, tutto questo ti porterà a una crescita rapida così come sta capitando agli altri clienti che si sono affidati ai miei consigli: http://professionestampa.it/dicono-di-me/
      Attendo di leggere la tua richiesta di Consulenza su info@professionestampa.it con un tuo contatto telefonico.

      Rispondi
  10. AvatarGiovanni Ceredi

    Dovrei acquistare un plotter per eseguire dei carta-modelli.
    Pertanto con due teste.
    La prima con una penna per il disegno e la marcatura , la seconda per un taglio passante.
    Grazie per i consigli che vorrete darmi.

    Rispondi
    1. IlarioIlario Post author

      Buongiorno Giovanni,
      la cosa è fattibile e senza nessun problema. I plotter SUMMA prevedono sia penna in fibra nero quelle a sfera sia Nere che Blu che viengono inserite al posto del portalama, dopodiché si realizza il taglio passante.
      In base allo spessore da intagliare potrebbe essere necessario usare la lama da 55° o 60° se utilizziamo un plotter auto-pilotante, mentre se è necessario fustellare spessori consistenti converrà utilizzare un plotter con Tecnologia Tangenziale e la lama da 60°.
      Se vuoi evitare di commettere errori nella valutazione della configurazione giusta, e vorresti poter essere subito produttivo senza impazzire a fare inutili prove non hai che da contattarmi in privato e ti darò tutte le indicazioni in merito. Al link di seguito trovi i miei contatti, ti consiglio di inviarmi una email perché come potrai immaginare sono abbastanza impegnato e trovare il mio telefono libero è cosa rara, ecco il link: http://professionestampa.it/contatti/

      Rispondi
  11. AvatarMassimo

    Buongiorno,sto x acquistare un roland sc545ex USATO,per provare a mettere su un mini laboratorio. Questo tipo di plotter può rimanere fermo nel senso che non stampa Per diverse settimane senza che si rovini?
    Grazie

    Rispondi
    1. IlarioIlario Post author

      Ciao Massimo,
      se deve restare fermo settimane penso che non sia la stampante che fa per te, considerato che ha bisogno di una manutenzione continua.

      Colgo l’occasione per invitarti a unirti al Gruppo Facebook di Professione Stampa, dove potrai approfondire questo e altri argomenti relativi il settore: https://www.facebook.com/groups/1672601186323328/

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *